Blog

Pubblicato in: Citazioni, Fotografia e Pensierini

La sottile armonia degli opposti.

Cercavamo di rincorrere il Vento ma abbiamo trovato tutto questo cielo ad aspettarci…

Quante parole ho regalato al vento. Sarebbe consolante sapere che il vento le ha trasportate in un luogo in cui vengono custoditi i pensieri, i sentimenti, le intenzioni, ma non ho questa certezza e in questo limitato esistere ho compreso che qui le parole non lasciano il segno, non si fermano. Sono come foglie danzanti nell’aria che svaniscono dal nostro orizzonte, come arcobaleni che ci catturano ed è già malinconia per la loro scomparsa. Ma se il vento è un mio alleato, nel suo incessante viaggio avrà depositato la parte di me che non si vede e, magari in un’altra vita, tu depositerai i tuoi occhi, belli come l’acqua, su quel mondo sconosciuto.

*Nicola Bolaffi*

È solo una vertigine dell’Anima…

“Ci sono luoghi che non si conoscono e che non si conosceranno mai, ma forse è proprio lì che si vive da sempre.”

*Costanza Placentino*

PLAY & LISTEN

Annunci
Pubblicato in: Citazioni

Ci sono stati giorni e ce ne saranno altri…

FB_IMG_1492828308591

Ci saranno dei giorni in cui non vedrai alcun motivo per andare avanti. Va bene. Ci saranno dei giorni in cui persino il pensiero di alzarti dal letto ti farà venire voglia di piangere. Va bene anche questo. Ci saranno dei giorni in cui non ti ricorderai nemmeno come si fa a piangere, o a sorridere, o a vivere, in cui la stanchezza ti peserà sulle palpebre e sulle ossa fino a schiacciarti. Ne avrai ogni ragione. Ma ricordati sempre che ciò che senti non dura per sempre. Che è tutto temporaneo. Che qualcuno, prima di te, ha provato quello che provi tu adesso, ed è sopravvissuto. Le foglie cadono ogni autunno, e soltanto perché non sei un sempreverde – soltanto perché anche tu sfiorisci, mentre altri riescono a non farlo – non vuol dire che tu sia sbagliato e che sia tutto finito. Va bene cadere. Va bene. Quando arriveranno quei giorni, ricorda le cose per cui vale la pena andare avanti, qualsiasi piccola cosa – il prossimo film in uscita, un amico che ti invita a uscire, il libro che non hai ancora letto. Ricorda che tutto prima o poi finisce, che il sipario prima o poi deve sempre calare su tutto. Lascialo calare sulle amicizie finite, sugli amori passati, sulla tristezza che ti stringe la gola, sulle cattiverie che ti hanno detto, sui tuoi sbagli, sui rimpianti, sulle parole che non avresti dovuto pronunciare, su tutte quelle piccole cose che ti pesano sulle spalle come macigni. Lascialo cadere su tutto, tranne che su di te. Mai su di te. Perché non lo meriti. Perché meriti di più di un sipario chiuso, di un copione finito in tragedia. Perché meriti di stare bene, e ti prometto, ti prometto che succederà e sarai felice di non aver deciso di lasciarti andare. Ti prometto che un giorno ti sveglierai e andrà tutto bene. Fino ad allora, tieni duro. Alzati dal letto quando sembra impossibile. Esci quando vorresti rinchiuderti dentro. Apprezza le cose belle quando vorresti solo piangere. È una bella vita, in fin dei conti, te lo giuro. È una bella vita. E tu la meriti.

– Carmelita Zappalà

Pubblicato in: Diario

23 Aprile

 

Domenica grigia, di spilli di pioggia, di poesie di serra e giovani fioriture.
È fermento l’emozione che diviene parola, traccia d’inchiostro, bagliore di luce.
È rumore oltre al vetro e canti di silenzi dentro al cuore.
Rime di vita che colano sui vetri in rivoli di bellezza
disegnano le sfumature del mattino maturo dentro agli occhi.

*L’AuraDeiSogni*

Pubblicato in: Diario

Ieri sera

Mi sono sempre innamorata nel guardare la luce dentro le case degli altri; guardare, da fuori, dentro alla mia di casa, mi fa vedere le cose da un’altra prospettiva. Osservo una luce nuova che non riconosco totalmente.

È dunque vero che si allungano gli occhi un passo più in là di quanto ci è concesso, dove magari la vista sfuoca un po’ i contorni, magari  per curiosità, per assecondare la fantasia, per il gusto di scivolare via… talvolta però, dimentichiamo di mettere a fuoco ciò che è vicino, bello o brutto che sia.

L’Aura

Ascoltando: Francesco Renga – Nuova Luce

Pubblicato in: Diario

L’inizio…

(Cercando – Foto di L’Aura)

C’è un limite al dolore
in quel limite un caro conforto
un’improvvisa rinunzia al dolore.
Il pianista cerca un fiore nel buio
e lo trova, un fiore che non si vede
… e ne canta la certezza.
Il gioco è questo: cercare nel buio
qualcosa che non c’è, e trovarlo.
Ennio Flaiano

Inizio un blog con una canzone e questo di certo è un buon segno,
la sento così mia da potermici fare un abito…
e così, col mio vestitino cucito sulla pelle,
vi lascio il mio benvenuto!

L’Aura